by
Aprile 22nd, 2020

This post is also available in: English Français Deutsch Español Português 한국어 Nederlands 简体中文 日本語 Dansk ไทย

Da Hannah a Hannah

Sono stupito dalla preghiera di Anna (la madre di Samuele il Profeta). Sembra che ogni cosa buona nella Bibbia (o altrove) inizi con una donna che prega. Spesso è una donna in una situazione disperata, che prega una preghiera disperata.

Hannah è stata preceduta da Sarah, Rivka, Rachel, Miriam e da tutte le madri ebree in Egitto i cui bambini sono stati massacrati. Dio ha usato la loro situazione di sterilità o difficoltà con i loro figli per lever-age in una più profonda preghiera di intercessione.

Hannah era senza figli; suo marito aveva un’altra moglie, Peninah, che ebbe dei figli. Peninah la prese in giro. Hannah era una donna più devota di Peninah, ma non sembrava essere “benedetta”. Era delusa, amara, frustrata, un po ‘arrabbiata con Dio e suo marito (I Samuele 1: 7).

Fu portata a un punto di disperazione nella preghiera (che era ciò a cui Dio la spingeva fin dall’inizio). Hannah non voleva mangiare; tutto ciò che poteva fare era piangere; e pregare.

I Samuele 1:10 – Nell’amarezza della sua anima pregava l’Eterno piangendo dirottamente

Dal profondo dell’angoscia nella preghiera, la sua anima si concentrò e fece un voto al Signore. Se avesse avuto un figlio, lo avrebbe dedicato al Signore (versetto 11). A quel tempo, non c’era nessun giudice a governare, nessuna profezia aperta e il sacerdozio era totalmente corrotto. La dedizione e la preghiera focalizzata di questa donna hanno cambiato tutta la storia.

La preghiera di Anna può essere paragonata alla preghiera di Yeshua nel Getsemani o alle preghiere dei discepoli a Pentecoste (Shavuot). Il sacerdote Eli pensava che fosse ubriaca (v. 14). Ma Anna rispose: “No:”  stavo effondo la mia anima davanti al Signore” – I Samuele 1:15. Attraverso le profondità di quella fuoriuscita dalla sua anima, la sua preghiera fu esaudita.

La risposta immediata alla sua preghiera fu “questo bambino” – I Samuele 1:27. Ma questo ragazzo era più che un bambino comune. Egli ha ripristinato il dono della profezia all’antica Israele; in effetti, ha iniziato una nuova era di profezia. Ha portato l’unzione per il regno; per re David; e alla fine per il Messia a venire.

Il dono della profezia fu elargito prima ad Anna, come è scritto nel suo cantico di lode  nel secondo capitolo. (Due interi capitoli della Bibbia sono dedicati a questa donna “innovativa”.) Tramite il suo cantico è stato rivelato:

  1. La risurrezione dei morti: YHVH fa morire e fa vivere- 2: 6.
  2. Discesa all’inferno e ritorno: fa scendere nel soggiorno dei morti e ne fa risalire – 2: 6
  3. Giustizia per i bisognosi: alza il misero dalla polvere – 2: 8
  4. L’autorità del Regno: fa sì che ereditino il trono di gloria – 2: 8
  5. Il giorno del giudizio: YHVH giudicherà i confini della terra – 2:10
  6. Il regno di David: darà potere al suo re – 2:10
  7. Regno di Yeshua: innalzerà il corno del suo Messia – 2:10.

Non è male per una preghiera. Questa è la prima profezia diretta della venuta del Messia e del Suo regno. Nelle sue doglie di preghiera, ha dato alla luce non solo Samuele, ma alla rivelazione del regno del Messia. Ha dato alla luce spiritualmente David e Yeshua, nonché Samuel.

La sua preghiera fu continuata da un’altra donna di nome Anna nel secondo capitolo di Luca. Sfortunatamente, la maggior parte delle traduzioni chiama questa donna Anna invece di Hannah, il che fa perdere al lettore la connessione ebraica. La preghiera di Anna di Luca 2 è la continuazione della preghiera di Anna in I Samuele 2.

[Nota: il nome Hannah deriva dalla radice KH-N, ח-נ, che significa “grazia”, proprio come nel nome John, che in realtà è YoKhaNan in ebraico, poiché Hannah è KhaNah. John Yokhannan è come Hannah Khannah, un uomo o una donna di grazia.]

Hannah era una profetessa, della tribù di Asher, che pregava giorno e notte da sessant’anni. Ha continuato l’intercessione per la nascita del Messia in arrivo. Ella vide il piccola Yeshua, che era la risposta alle sue preghiere, proprio come la prima Anna vide Samuele che era la risposta alle sue preghiere.

Luca 2:37-38- Questa donna era rimasta vedova e aveva raggiunto gli ottantaquattro anni. 37 Non si allontanava mai dal tempio e serviva Dio notte e giorno con digiuni e preghiere. 38 Sopraggiunta in quella stessa ora, anche lei lodava Dio e parlava del bambino a tutti quelli che aspettavano la redenzione di Gerusalemme.

La preghiera, la profezia e l’unzione andarono da Anna a Samuele a Davide a Anna a Yeshua. Non perdere la linea di collegamento tra Hannah e Hannah.

Il potere profetico della preghiera di Anna non avrebbe potuto essere raggiunto senza che Dio la spingesse attraverso quella situazione disperata. L’intercessione dalla profondità della disperazione ha rilasciato un’unzione che ha cambiato il mondo.

Così spesso quando Dio ci permette di affrontare situazioni difficili, cerchiamo di calmarci. Impariamo ad abbracciare le difficoltà e le avversità che abbiamo di fronte e incanalare le nostre emozioni negative a un livello più profondo di preghiera. La preghiera dal profondo di un’anima umana che grida a Dio nel dolore, nella rabbia, nel pianto, nella frustrazione, nella tristezza e nella rottura può produrre un grande passo in avanti.

Print Friendly, PDF & Email
By |2020-04-22T12:39:51+00:00Aprile 22nd, 2020|Commenti disabilitati su Da Hannah a Hannah