by
Agosto 28th, 2020

This post is also available in: English Français Deutsch Español Português 한국어 Nederlands 日本語 Čeština Dansk ไทย

L’umiltà e la battaglia spirituale

Il primo principio della guerra spirituale è l’umiltà. Ogni volta che ci accorgiamo di essere in una situazione di guerra spirituale, la prima cosa che dobbiamo fare è umiliarci. La maggior parte delle persone associa la guerra spirituale alla preghiera combattiva e a gridare contro il diavolo. Questo è vero sotto molti aspetti, ma se non comprendiamo il ruolo dell’umiltà e della sottomissione, la nostra guerra spirituale si trasformerà in un massacro.

Giacomo 4:6-7, 10

«Dio resiste ai superbi e dà grazia agli umili». Sottomettetevi dunque a Dio; ma resistete al diavolo, ed egli fuggirà da voi.

Notate in questi versetti che la sottomissione e l’umiltà sono una parte necessaria, un prerequisito, per resistere al diavolo. La resistenza contro il diavolo dipende principalmente dall’attività parallela dell’umiliazione personale.

La ragione di ciò è che il carattere stesso del diavolo è legato all’orgoglio. L’orgoglio è la spinta del diavolo. Pertanto, è anche il campo in cui egli agisce abilmente. Se tu sei orgoglioso, hai una porta aperta per le sue strategie. Il tuo orgoglio diventa un facile bersaglio per gli attacchi del diavolo.

Quando il diavolo venne da Adamo ed Eva nel Giardino dell’Eden, si rivolse a loro attraverso l’orgoglio spirituale (“Sarai come Dio” – Gen. 3:5) e l’orgoglio intellettuale (“Conoscere il bene e il male” – Gen. 3:5). L’orgoglio intellettuale e spirituale sono ancora oggi le radici dell’attività demoniaca. Quando resistiamo a questi due tipi di orgoglio umiliandoci e sottomettendoci, chiudiamo la porta agli attacchi del maligno.

Questo orgoglio demoniaco può portare alla ribellione e alla divisione. La Bibbia ci dice che quando Satana decise di attaccare Dio, la sua ribellione fu alimentata dal suo orgoglio.

Ezechiele 28:17

«Il tuo cuore si è insuperbito per la tua bellezza; tu hai corrotto la tua saggezza.

La parola “innalzato” qui è “gaavah”, ed è simile alla radice della parola orgoglio, “ga’avah”. L’orgoglio può indurci ad avere cattivi atteggiamenti nei confronti di chi ha autorità su di noi e può alla fine causare divisione. La maggior parte delle divisioni nella Chiesa è causata dall’orgoglio. Se uno dei membri si umilia, le divisioni diventano irrisorie.

Yeshua ci ha insegnato che qualsiasi regno diviso contro se stesso cadrà (Luca 11). Il diavolo vuole far cadere il regno di Dio. Lo fa fomentando la divisione e la ribellione. La divisione e la ribellione trovano la loro fonte nell’orgoglio. L’orgoglio è il terreno fertile per i semi del diavolo. Quando ci umiliamo, neghiamo al diavolo quel terreno.

Spesso l’orgoglio è una copertura per l’insicurezza personale o la paura del rifiuto. Quando una persona è insicura, può gonfiarsi come un “pesce palla” per compensare la mancanza. Una persona che sa umiliarsi riflette in realtà un certo grado di integrità psicologica e di forza interiore.

Uno dei sintomi dell’orgoglio che copre l’insicurezza è la tendenza della persona a diventare “offesa”. (A volte una persona vuole nascondere il suo orgoglio e la sua insicurezza dicendo “sono molto sensibile”). È difficile trovare una parola per “offeso” in ebraico. Un modo per dirlo è “orgoglio ferito” o “onore insultato”. Una persona che non ha molto orgoglio non si offende facilmente.

A volte la persona che è così sicura di avere ragione, è proprio quella che è nell’orgoglio e che è la fonte del problema. La persona offesa, la più intelligente, la più unta o quella che causa una divisione può ess