by
13 Gennaio, 2020

This post is also available in: English Français Deutsch Español Português 한국어 Nederlands 简体中文 日本語 Русский Čeština Dansk ไทย

Sintesi dell’Allineamento globale

di Asher Intrater

I nostri insegnamenti sull’Allineamento hanno creato un grande interesse sia in Israele che nel mondo. Ecco qui alcune citazioni dal libro dell’Allineamento
sulle relazioni tra gli ebrei messianici e i cristiano-gentili, sulla sottomissione
reciproca, la partnership e la sinergia.

  1. P. 9 L’allineamento globale ha a che fare con le giuste relazioni per i veri cristiani di tutto il mondo e per la rimanenza messianica di Israele, con lo scopo di essere pronti per la seconda venuta di Yeshua (Gesù). L’allineamento è sottomettersi all’ordine di Dio e prepararci a stabilire il Suo Regno sulla terra.
  2. P. 17 Quando abbiamo un cuore tenero e una coscienza sensibile, cerchiamo questo allineamento di intimità e sottomissione in ogni situazione.
  3. P. 18 L’allineamento è un ordine che permette ad ognuno di avere il proprio posto, ad ognuno di funzionare, e di dare frutto.
  4. P. 24 Il pentimento è il primo passo dell’allineamento.
  5. P. 25 La Signoria di Yeshua è la pietra angolare
    del nostro personale allineamento con i piani e gli scopi di Dio.
  6. P. 27 L’allineamento spirituale è l’allineamento morale. La mancanza di discernimento morale fa sì che molti di noi “carismatici” appaiano sfasciati. Lo Spirito Santo è più “morale” che “mistico”.
  7. P. 43 La completa restaurazione del Regno avverrà solo
    al ritorno di Yeshua.
  8. P. 44 Siamo chiamati a completare la commissione apostolica e dobbiamo continuare a fare ciò che hanno iniziato. La loro generazione diede inizio alla grande commissione mentre la nostra è chiamata a completarla (si spera!).
  9. P. 56 Alla seconda venuta, i regni di questo mondo saranno consegnati a Yeshua e alle persone che hanno imparato a camminare nella giustizia.
  10. P. 64 Yeshua è il capo della Chiesa (Efesini 1:22) e il re di Israele (Giovanni 12:13).
  11. P. 80 L’allineamento è una forma più leggera di autorità rispetto alla sottomissione diretta, anche se ovviamente include un cuore sottomesso. Il problema non è il controllo organizzativo, ma la giusta direzione per servire il Signore in questi tempi finali.
  12. P. 90 L’Allineamento richiede una giusta relazione tra il residuo israeliano e l’Ecclesia internazionale. Ci sono cerchi nei cerchi. Tutti sono uguali. L’allineamento è progettato per garantire che tutti siano inclusi.
  13. P. 91 Il pregiudizio religioso cerca di escludere le
    persone per orgoglio etnico; l’allineamento covenantesco cerca di includere tutti preferendo l’uno all’altro in onore dell’altro (Romani 12, 10).
  14. P. 111 Guardiamo al Concilio degli Atti 15 come un esempio
    biblico e un modello di come i dirigenti anziani possono incontrarsi e sottomettersi l’un l’altro. Non pretendiamo di essere “il” Concilio di Gerusalemme. Stiamo dicendo che i dirigenti anziani dovrebbero riunirsi insieme almeno una volta all’anno per un impegno reciproco, relazionale e di responsabilità.
  15. La testimonianza che abbiamo nei ministeri di Tikkun di quasi quarant’anni di leader che camminano in alleanza, cooperazione e responsabilità reciproca fornisce una base per la fiducia, la sicurezza e la stabilità che è stata una benedizione per molti. Noi siamo solo uno dei tanti flussi, ma cerchiamo di modellare la nostra leadership superiore secondo il modello del consiglio degli Atti 15. Tale modello è che i dirigenti senior si riuniscono periodicamente in un’atmosfera di reciproca sottomissione.
  16. P. 149 I cristiani arabi e gli ebrei messianici hanno
    bisogno di abbracciarsi l’un l’altro come parte della famiglia abramitica.
  17. P. 186 Il principio guida del processo è la sottomissione reciproca e l’umiltà. L’umiltà è qui il rovesciamento dell’orgoglio etnico. L’umiltà etnica di ebrei e gentili, di Israele e della Chiesa, porta tutti all’allineamento globale ed è una manifestazione della gloria di Dio. Questa umiltà razziale è in diretta opposizione alla “scelta” nel senso di superiorità razziale. Il destino ebraico e cristiano viene ridefinito servendo l’uno l’altro.
  18. P. 189 Dio usa l’associazione degli Ulivi di Israele e della Chiesa per realizzare un mondo migliore in cui non ci sia superiorità razziale o orgoglio etnico. Ci sarà umiltà, rispetto reciproco e dipendenza dalla grazia di Dio.
  19. P. 189 Per ricevere questa grazia di Dio, sia gli ebrei che i gentili hanno bisogno di venire in un luogo di umiltà.
  20. P. 190 L’Ulivo è un’immagine di mutua benedizione e di reciproco servizio.
  21. P. 191 Il residuo messianico sfuggirà all’egocentrismo cominciando a servire l’Ecclesia? L’Ecclesia riceverà un ruolo unificante e di guida del servizio per il residuo messianico? Il residuo messianico serve ad aiutare l’Ecclesia
    internazionale a raggiungere la sua pienezza e lecclesia serve ad aiutare Israele a raggiungere la sua pienezza. Questa è la doppia umiltà che ci serve per entrare nel giusto allineamento.
  22. P. 227 L’allineamento di cui parliamo tra l’Ecclesia internazionale e il residuo messianico arriverà alla sua pienezza solo nella collaborazione e nel sostegno reciproco.
  23. P. 242 Sinergia significa che il lavoro di squadra produrrà un risultato complessivo migliore rispetto a quello che si otterrebbe se ogni persona all’interno del gruppo lavorasse individualmente allo stesso obiettivo.
  24. P. 243 La rotazione della leadership e della sottomissione permette di far emergere diverse qualità e punti di vista. Ci sono la leadership, il lavoro di squadra e la sottomissione.
  25. P. 244 Il mistero di Efesini 3:6 è quello che vede i Gentili come “partner nell’eredità, partner nel Corpo e partner delle promesse”. Questo è l’allineamento.
Print Friendly, PDF & Email
By | 2020-01-13T16:04:03+00:00 13 Gennaio, 2020|0 Comments

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.